venerdì 20 ottobre 2017

I libri di Margherita: Va' dove ti porta il cuore


VA’ DOVE TI PORTA IL CUORE

DATI EDITORIALI
Titolo: Va’ dove ti porta il cuore
Autore: Susanna Tamaro
Casa Editrice: Bompiani
Numero di pagine: 185
GENERE DEL LIBRO
Romanzo epistolare, diario.
LUOGHI DELLA STORIA
Nel 1992: Italia, Trieste, villetta di Olga, giardino, ospedale.
Negli anni prima e dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale: villa della famiglia di Olga, scuola femminile delle suore, chiese, Abruzzo, L’Aquila, casa di Olga ed Augusto, corridoi, stanze, città, sentieri fra le montagne, boschi, Trieste, Porretta, treno, camera d’albergo, sala da pranzo, bosco, macchina, terrazza, Ferrara, studio di Ernesto e altri luoghi minori. 
TEMPO DELLA STORIA
La trama scorre in due tempi diversi.
In primis tutta la vita di Olga e il suo passato, quindi più o meno del 1913 al 1992.
Secondo, il “presente” (siamo nel 1992, quindi per noi è già passato ma lì sarebbe presente), il periodo di più o meno due mesi in cui Olga scrive il suo diario per la nipote.   
PERSONAGGI PRINCIPALI
Olga, nipote lontana (non si conosce il nome), Ilaria, Augusto, Ernesto, Buck, padre e madre di Olga, suore della scuola per ragazze, medico dell’ospedale e altri personaggi minori.

TRAMA
Olga è molto anziana.
Nella sua vita ha sofferto e gioito molto, ma ora sta finendo tutto.
E’ vecchia, ha appena avuto un ictus: sa che di lì a poco morirà.
L’adorata nipote che ha cresciuto come fosse una figlia dopo la morte della madre della piccola ha appena finito il liceo ed è ora lontana, per un anno di studio in America. Si sono promesse di non scriversi neanche una lettera durante l’intero anno. Ma ora Olga sta morendo. Tuttavia non vuole far ritornare la nipote degli USA solo per lei e neppure vuole, però, che una volta tornata la nipote sappia da qualcun altro che la nonna è venuta a mancare. Per questo, Olga trova un compromesso: comincia a scrivere una specie di diario in cui annota tutta la propria vita, tutto quello che la nipote non ha mai saputo, in modo che quando la ragazza tornerà, avrà traccia della nonna.
Finendo il suo racconto, Olga tornando al presente esprime la morale di ciò che vuole trasmettere alla nipote: segui le tue emozioni, sempre.
Va’ dove ti porta il cuore.
COMMENTO PERSONALE
Questo libro è abbastanza piacevole.
Va’ dove ti porta il cuore ha avuto un successo strepitoso e ha venduto un numero di copie da capogiro, ma a me, sinceramente, non è sembrato così meraviglioso come lo descrivono.
E’ un libro più o meno normale, non so esattamente quanto e se mi sia piaciuto.
Non è particolarmente incisivo e non mi è piaciuta l'introduzione dell'autrice.
Non mi ha lasciato niente dentro, rispetto anche a libri molto meno famosi di questo.
Insomma: mi aspettavo di più.

Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

mercoledì 18 ottobre 2017

La canción de Octubre: "Un mundo ideal"

Come canzone spagnola di ottobre, Margherita ha pensato di restare nel mondo Disney e tradurre "Un mundo ideal", la canzone che cantano Aladdin e Jasmine sul tappeto volante e che in italiano è "Il mondo è mio", in inglese "A whole new world" (che aveva già tradotto).
Ecco il video, in cui la canzone è preceduta da una simpatica parte parlata (la canzone vera e propria inizia al minuto 2:37).

Il testo, con la traduzione di Margherita
La canción de Octubre
UN MUNDO IDEAL
Yo te quiero enseñar un fantástico mundo.
Ven princesa y deja a tu corazón soñar.
Yo te puedo mostrar cosas maravillosas.
Ven princesa y déjate llevar a un mundo ideal.

Un mundo ideal.
Un mundo en el que tu y yo
podamos decidir como vivir
sin nadie que lo impida.
Un mundo ideal que nunca pude imaginar.
Donde ya comprendí que junto a ti el mundo es un lugar para soñar.

Fabulosa visión, sentimiento divino.
Voy volando contigo hacia un nuevo amanecer.

Un mundo ideal.
Mira bien lo que hay.
Allí mil cosas voy a ver.
Conteniendo el aliento.
Soy como un haz de luz que lejos va.
Y nunca mas podrá volver atrás.
Un mundo ideal.
Un horizonte a descubrir.
Un mundo para ti.
Para los dos.
Llevame dónde sueñes tú.

Llévame.
A dónde sueñes tú.
Un mundo ideal.
Que compartir.
Que alcanzar.
Que contemplar.
Tú junto a mí.

Qualche informazione sul film ed il brano, tratte da Wikipedia.es

Aladdín  es una película animada producida por Walt Disney Feature Animation y distribuida por Walt Disney Pictures. Es la trigésima primera cinta en la serie Walt Disney Animated Classics y se realizó en un período conocido como el Renacimiento de Disney.
 La película se montó bajo la dirección y producción de John Musker y Ron Clements, los guiones de Musker, Clements, Ted Elliot y Terry Rossio, y con Alan Menken como responsable de la banda sonora. Además, cuenta con un amplio reparto coral en el que participaron principalmente Scott Weinger, Robin Williams, Jonathan Freeman y Linda Larkin. El argumento de Aladdín está inspirado en el cuento árabe Aladino, de la colección Las mil y una noches, y en la película El ladrón de Bagdad (1940). Cuenta la historia de Aladdín, un joven de la calle que un día encuentra una lámpara mágica con un genio en su interior. Este último es capaz de concederle tres deseos, uno de los cuales es usado por el protagonista para disfrazarse como un príncipe adinerado con tal de impresionar a la princesa Jasmín, de quien se enamora.
El desarrollo del filme se remonta a 1988, cuando el compositor Howard Ashman tuvo la idea de convertir Aladino en un musical para Disney. Si bien compuso algunas canciones con Alan Menken y redactó un tratamiento no fue sino hasta 1991, cuando la guionista Linda Woolverton hizo modificaciones al bosquejo de Ashman tomando algunos elementos de El ladrón de Bagdad, que la producción dio comienzo. Otros cambios en la trama fueron realizados finalmente por Elliot y Rossio. El diseño de los personajes estuvo basado en la obra del caricaturista Al Hirschfeld, caracterizada por su similitud con las miniaturas persas y la caligrafía árabe, y el de los escenarios está inspirado en la localidad iraní de Isfahán, pinturas de la época victoriana y ensayos fotográficos sobre la cultura del Medio Oriente. Para la animación de algunas escenas se utilizó el programa computarizado CAPS.
La cinta fue lanzada el 25 de noviembre de 1992. Obtuvo reacción positiva por parte de la crítica, que la elogió principalmente por su música, efectos visuales y la actuación de Williams como el Genio. Su recaudación ascendió hasta unos 504 millones USD, lo cual la convirtió en la película con mayores ingresos de 1992, y la más exitosa de Disney hasta ese momento al superar las recaudaciones de La bella y la bestia (1991). Aladdín ganó varios premios incluyendo un par de premios Óscar y dos Globos de Oro gracias a su banda sonora, entre otros. Cabe señalar que la canción «A Whole New World» obtuvo un Grammy como canción del año y fue la primera balada de Disney en ascender a la cima del listado Billboard Hot 100. De esta película derivaron varios trabajos como una adaptación al teatro, un espectáculo de Disney on Ice, los filmes El retorno de Jafar (1994) y Aladdín y el rey de los ladrones (1996), una serie de televisión y diversos videojuegos.

Alan Menken y Howard Ashman escribieron algunas canciones para Aladdín antes de que iniciara la producción de La bella y la bestia. Tras la muerte de este último en 1991, Menken y Tim Rice compusieron el resto de la banda sonora de la película. De las canciones compuestas por Menken y Ashman, tres forman parte del álbum: «Arabian Nights», «Friend Like Me» y «Prince Ali».
En total se compusieron catorce canciones, de las cuales seis aparecen en el largometraje.

Walt Disney Records puso a la venta el álbum el 6 de noviembre de 1992 en formato de CD.4 Al año siguiente apareció una edición que contenía una nueva versión del tema «Arabian Nights», con algunas letras modificadas debido a acusaciones de discriminación contra la población musulmana. Una década después, en 2004 el mismo sello discográfico empezó a distribuir una «edición especial» que además del compilatorio original incluye las demos de las canciones «Proud of Your Boy» y «High Adventure». Ese mismo año estuvo disponible una versión karaoke.
Para el mercado hispanoparlante, se grabaron dos versiones de la banda sonora en español: en la región ibérica, Eduardo Post y Alejandro Nogueras se encargaron de la adaptación de las letras, y la grabación del álbum ocurrió en el Estudio Albert Moraleda. La otra versión fue producida en los estudios Candiani Dubbing Studios.

De acuerdo con el sitio web Allmusic, la banda sonora de Aladdín es considerada como «consistentemente buena, que compite con lo mejor de otros musicales animados de Disney de los años 1990». El material se hizo acreedor al premio Óscar como mejor banda sonora y el Globo de Oro en la misma categoría, en 1992. De forma idéntica, la canción «A Whole New World» obtuvo el premio Óscar y el Globo de Oro en la categoría de mejor canción original, además de un Grammy como canción del año en 1994. Ese año era uno de los álbumes más exitosos de acuerdo con la revista Billboard; de hecho, el sencillo «A Whole New World» alcanzó la cima de la lista Billboard Hot 100. Hasta 2014 se habían vendido más de 2,4 millones de copias de la banda sonora.

lunedì 16 ottobre 2017

The song of October: My heart will go on


Come canzone in inglese di ottobre, Margherita ha scelto il tema portante della colonna sonora del suo film preferito, "Titanic".
Come sempre, siamo partite dall'ascolto del brano con il video musicale, con e senza sottotitoli.
The song of October

My Heart Will Go On

Every night in my dreams
I see you, I feel you,
That is how I know you go on

Far across the distance
And spaces between us
You have come to show you go on

Near, far, wherever you are
I believe that the heart does go on
Once more you open the door
And you're here in my heart
And my heart will go on and on

Love can touch us one time
And last for a lifetime
And never let go till we're gone
Love was when I loved you
One true time I hold to
In my life we'll always go on

Near, far, wherever you are
I believe that the heart does go on
Once more you open the door
And you're here in my heart
And my heart will go on and on

You're here, there's nothing I fear,
And I know that my heart will go on
We'll stay forever this way
You are safe in my heart
And my heart will go on and on

Poi Margherita ha letto e tradotto oralmente queste informazioni sul brano, tratte da Wikipedia.en: ormai la mia ragazza padroneggia piuttosto bene la lingua, per cui questo mese l'approfondimento è più lungo del solito.


 "My Heart Will Go On" is the main theme song to James Cameron's film Titanic.
Its music was composed by James Horner, its lyrics were written by Will Jennings, and it was produced by Walter Afanasieff and Simon Franglen, recorded by Canadian singer Celine Dion.
It was originally released in 1997 on Dion's album Let's Talk About Love and the Titanic soundtrack album.

Lyricist Will Jennings wrote the lyrics "from the point of view of a person of a great age looking back so many years." Director James Cameron didn’t want such a song, but Will Jennings went ahead anyway and wrote the lyrics. When Dion originally heard the song, she didn’t want to record it as she felt she was pushing her luck by singing another film theme song after Beauty and the Beast. Horner showed the piano sketch to Simon Franglen, who was working with him on electronic textures and synthesizers for the film score. Franglen, who had, himself, worked with Dion for several years on many of her major hits to date, programmed and arranged an extensive demo to take to Dion.
Tommy Mottola claims that Dion recorded the song in one take, and that demo is what was released. Mottola states that since so much money was on the line for Cameron's film that Cameron felt obligated to include a theme song to promote the movie.
Dion's manager and husband René Angélil convinced her to sing on this demo version, which she had not done for many years. Horner waited until Cameron was in an appropriate mood before presenting him with the song. After playing it several times, Cameron declared his approval, even though he worried that he might be criticized for "going commercial at the end of the movie".
The music video was directed by Bille Woodruff and released at the end of 1997.

The song received a lot of positive critics.
AllMusic senior editor Stephen Thomas Erlewine wrote that this song "shines the most brilliantly" and marked it as a standout track. Another AllMusic reviewer, single editor Heather Phares, who rated the single 4 out 5 stars, wrote, "Indeed, her performances of it on VH1 Divas, the 1998 Academy Awards (wearing the film's 'Heart of the Ocean' pendant, no less), and on her 1997 album Let's Talk About Love have cemented 'My Heart Will Go On' as the quintessence of Dion's sweeping, romantic style." Yahoo.com described the song as an "emotional power ballad that perfectly captured [Titanic's] romantic yearning". Vulture said that it is a powerful song and has "one of the most glorious key changes in recorded music history", and that "its legacy is eclipsed only by Whitney Houston's "admittedly far superior" song "I Will Always Love You". Washington Post appreciated how the song was not just tagged on the end of the three-hour film, but has a lyrical motif that was already placed throughout the key moments of the film's love story in order to create a musical narrative.

"My Heart Will Go On" won the 1997 Academy Award for Best Original Song. It dominated the 1999 Grammy Awards, winning Record of the Year — marking the first time to be won by a Canadian —, Song of the Year, Best Female Pop Vocal Performance and Best Song Written Specifically for a Motion Picture or Television. 
The song also won the Golden Globe Award for "Best Original Song – Motion Picture" in 1998 and a Japanese Gold Disc Award, for Song of the Year, as well as a Billboard Music Award for Soundtrack Single of the Year.
It has been named one of the Songs of the Century. It is one of the best-selling singles ever in the United Kingdom, selling over a million copies, the second single released by Dion to do so. This made Dion the only female artist to date to have released two million-selling singles in Britain. In December 2007, the song peaked #21 on VH1's "100 Greatest Songs of the 90's". In April 2010, the UK radio station Magic 105.4 voted the single the "top movie song of all time" after listeners's votes. It was ranked at number 14 on AFI's 100 Years...100 Songs, celebrating the 100 greatest songs in American film history.

"My Heart Will Go On" became Dion's biggest hit and one of the best-selling singles of all time and was the world's best-selling single of 1998.
The romantic song went to number one all over the world, including the United States, Canada, Ireland, United Kingdom and Australia.
Due to the song's widespread popularity when it was released, it is considered to be Dion's signature song.  With worldwide sales estimated at 18 million copies, it became the second best selling single by a female artist in history and the eighth overall.
The song also broke the record for the then-largest radio audience ever.
Internationally, the song was phenomenally successful, spending many weeks at the top position in various countries, including Switzerland, Germany, Netherlands, Sweden, Belgium, Denmark, Italy, Norway, Ireland, Australia, Austria, Spain, United Kingdom and Finland.

The song was also included in the list of Songs of the Century.
USA Today agreed that the song will be forever tied to the film Titanic. The Washington Post says it is the marriage of music and image that make both the song and film greater than the sum of their parts.
After the song had become a huge worldwide hit, many movie studios and record labels tried to duplicate the process. Although some songs became hits, they did not achieve the same success of "My Heart Will Go On".
In latter years, "My Heart Will Go On" proved not to be popular with readers of Rolling Stone magazine. In 2011, Rolling Stone readers rated it the 7th worst song of the '90s, with the magazine writing, "Celine Dion's song and the movie have aged very poorly...Now [the song] probably just makes you cringe". Winslet stated that the song made her feel "like throwing up", due to people's tendency to start playing it when she was around: "I wish I could say, 'Oh listen, everybody! It's the Celine Dion song!' But I don't. I just have to sit there, you know, kind of straight-faced with a massive internal eye roll." The Atlantic attributed the song's decline in popularity to its overexposure and added that over the years there have been many jokes that parody the song's lyrics by claiming "My Heart Will Go On" goes "on and on and on". Vulture reasoned that it has become fashionable to dislike the song because it "encapsulates most everything that once-enthusiastic moviegoers now dislike about Titanic: It's outdated, cheesy, and overly dramatic". Maxim deemed it "the second most tragic event ever to result from that fabled ocean liner".
The Atlantic noted that its popularity didn't stem from being played at events such as high school proms, weddings, and funerals, but by being indelibly placed into pop culture through numerous plays on the radio station, speakers, and passing cars.
Reportedly, the song was playing when cruise liner Costa Concordia crashed into rocks and sank.
Dion performed the song to honor the 20th Anniversary of the film at the 2017 Billboard Music Awards on 21 May 2017. 
Dion said retrospectively "My Heart Will Go On gave me the opportunity to be associated with a classic that will live forever".


Margherita ha poi realizzato questo dipinto  della più celebre immagine di Jack e Rose, colorando il disegno con acquerelli e matite acquerellabili.
Essendo le tinte molto tenui, la foto non rene i suoi colori, una via di mezzo tra questi due.

C'è anche Lyricstraining, per giocare con il testo.

venerdì 13 ottobre 2017

I libri di Margherita: La terra delle storie I


LA TERRA DELLE STORIE I - L’Incantesimo del Desiderio

DATI EDITORIALI
Titolo:  La Terra delle Storie I – L’Incantesimo del Desiderio
Autore: Christopher Colfer
Casa Editrice: Rizzoli
Numero di pagine: 497
GENERE DEL LIBRO
Romanzo fantasy.
LUOGHI DELLA STORIA
America, Stati Uniti, scuola, aula, cattedra, strada, casa di Alex e Conner, camera di Alex, camera di Conner, macchina, bosco, casa della nonna, Terra delle Storie, foresta, tana di Ranocchietto, sentiero, Regno del Nord, castello di Biancaneve, fossato intorno al castello, cancello, stanza segreta, segrete del castello, cella della Regina Malvagia, miniere, carrello per trasportare i minerali; Regno Addormentato,  castello della Bella Addormentata, stanza del trono, stanza del fuso, terrazza, villaggio, terreno desolato nel Regno Addormentato, rovine di un antico castello in cui si nasconde la Regina Malvagia; Regno Azzurro, piccolo borgo, palazzo di Cenerentola, sala da ballo, scalinata, corridoi, stanza dei ricordi, carretto; Regno d’Angolo, torre di Raperonzolo, foresta; Regno delle Fate, foglia, laghi, ponticelli, tribunale, casetta di Trix; Regno di Cappuccetto Rosso, muro rosso di mattoni, Ponte del Troll, palazzo di Cappuccetto Rosso, sala del trono, stanza dei cestini, sala d’aspetto, pianta di Fagioli Magici, catapecchia, villa, cortile, cancello; Impero degli Elfi, Foreste dei Nani; Territorio Troll e Goblin, caverne, gallerie sotterranee, carretto, ala del trono, troni, prigioni; Laguna delle Sirene, bolla d’aria sott’acqua, conchiglia e altri luoghi minori.

TEMPO DELLA STORIA
Indefinito. Dalle due settimane a circa un mese.
PERSONAGGI PRINCIPALI
Alex, Conner, mamma di Alex e Conner, papà, nonna, Ranocchietto, Biancaneve, Cenerentola, la Bella Addormentata, lo Spirito della Spuma, Cappuccetto Rosso, Raperonzolo, re Troll, re Goblin, Troll e Goblin, Trollbella, il Mercante Errante, Trix la fata, le sette fate del Consiglio delle Fate formato da Rossana, Arancina, Zafferano, Smeraldina, Celestina, Violetta e Corallina, Jack di “Jack e il Fagiolo Magico, magica arpa d’oro sottratta al gigante, Riccioli d’Oro, Regina Malvagia, il Cacciatore, la figlia muta del Cacciatore cioè la Cacciatrice, Lupi affamati, le sirene della laguna, i tre Principi Azzurri cioè Adam, Aidan, Arthur e Aaron; generale Lampton, Mira, la figlia di Cenerentola cioè la piccola dolce Speranza, i topolini di Cenerentola, la Fata Madrina, contadini dei vari villaggi, le guardie dei vari castelli, i servi e le serve dei palazzi di ogni Regno e altri personaggi minori.

TRAMA
Alex e Conner sono due ragazzini normali che vivono con la loro mamma.
Loro padre è morto l’anno prima in un incidente stradale, lasciando un grandissimo vuoto nella loro vita. Dove prima c’era la gioia di ascoltare le storie magnifiche ed emozionanti che il padre raccontava, narrandole come se davvero le avesse vissute, ora c’è soltanto una voragine profonda e molto triste.
Anche la nonna, che da piccoli raccontava loro fiabe meravigliose insieme al padre, ora si fa vedere di rado, sempre impegnata nonostante l’età.
Hanno solo undici anni ma la loro vita è triste.
Questo finchè, il giorno del loro dodicesimo compleanno, la nonna fa loro una sorpresa venendoli a trovare e regalando loro “La Terra delle Storie”, il magico libro che racchiude tutte le fiabe della loro infanzia. Ma ben presto cominciano ad accadere cose strane: la notte il libro trilla e si illumina senza spiegazione.
Un giorno si arriva al culmine della vicenda: Alex viene inghiottita dal libro! E Conner, naturalmente, da bravo fratello gemello la segue, entrando anche lui nel libro. Si ritroveranno, con loro sommo stupore, proprio all’interno della Terra delle Storie! Ma i due gemelli non sanno come fare per ritornare indietro, nel loro mondo: sarà Ranocchietto, un gentilissimo uomo-rana incontrato nella foresta in cui sono precipitati, a consigliare loro di usare l’Incantesimo del Desiderio e consegnando loro un diario scritto da un uomo che come loro cercava l’Incantesimo del Desiderio per tornare nel mondo degli umani.
Secondo l’Incantesimo, se si mettono l’uno accanto all’altro una serie di oggetti specifici, l’Incantesimo ti ricompenserà esaudendo un tuo desiderio. Il viaggio è arduo e pericoloso, in molti sono morti cercandolo, ma Alex e Conner non hanno scelto: devono tornare nel mondo degli uomini a ogni costo.
Per questo si mettono in viaggio, un viaggio che li condurrà in tutti i Regni della Terra delle Storie, per cercare gli ingredienti dell’Incantesimo. 
Vivranno mille avventure, fra tante emozioni e scoperte sconcertanti nel mondo di cui hanno sempre sognato.
Fino al segreto più importante di tutti, un segreto che potrà riportarli nel loro mondo e segnare il loro futuro... o aiutarli a capire il passato.
Cosa sarà?

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto veramente tanto.
E’ originale, entusiasmante, divertente, scritto benissimo.
La storia è fantastica, i personaggi ti conquistano subito, diventano subito gemelli anche tuoi.
E poi la scoperta delle emozioni e delle vere storie delle principesse delle fiabe classiche, il prima e il dopo di quello che esse ci raccontano, è bellissimo, originale e stimolante.
Mette in luce caratteristiche di ogni personaggio che non si notano nella fiaba originale, che si immaginano, si possono appena intravedere.
E’ stato veramente bello, mi è piaciuto tantissimo.
Quando l’ho finito, ero stata talmente coinvolta che vedere scritta sull’ultima pagina la parola FINE mi ha intristita: “Ti prego, non finire”, ho pensato.
Ringrazio la mia amica Agnese che me lo ha consigliato.
E' un libro veramente bellissimo, e lo porterò nel cuore.


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

mercoledì 11 ottobre 2017

I disegni e dipinti di Mariangela - classe 5a


Anche Mariangela, lo scorso anno scolastico, ha disegnato tanto.
Dei suoi tanti animaletti e personaggi fumettistici abbiamo già parlato.


Per favorire lo studio delle proporzioni del volto le ho poi proposto un esercizio divertente ed accattivante a cui si dedicò alla sua stessa età anche Margherita: disegnare i volti delle varie principesse Disney, seguendo magari gli "how to draw" ed i tutorial disponibili in rete.  Può sembrare un esercizio banale e fine a se stesso, ma dall'esperienza analoga fatta dalla sorella maggiore e ora, anche da Mariangela, possiamo dire che questo tipo di esercizio sia davvero utile per imparare ad inquadrare i volti dei personaggi e, da lì, delle persone reali. Trattandosi di bambine, i soggetti scelti sono stati, appunto, tutti femminili, ma lo stesso potrebbe ovviamente valere anche per altro. Fatto sta, che, da questo, imparare ad osservare espressioni e proporzioni anche di persone reali è davvero semplificato; osservare i dettagli, far caso alle differenze di nasi, occhi, bocche, ecc. risulterà via via  sempre più semplice e naturale. 
Ecco qui le principesse di Mariangela, tutti colorati con gli acquerelli.

PRINCIPESSE DISNEY















VARIE





Un altro filone seguito lo scorso anno per i disegni è stato quello di unire il disegno allo studio della Storia: in particolare, Mariangela ha voluto rappresentare e colorare con i pennarelli ii principali dei greci e romani. 
Sono disegni fumettistici, ma ognuno di essi rispecchia e rappresenta caratteristiche, elementi e tratti distintivi delle varie divinità, così come le ha studiate la bimba.

DEI GRECI E ROMANI












Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...