venerdì 8 dicembre 2017

I libri di Margherita: Enrico VIII


ENRICO VIII

DATI EDITORIALI
Titolo: Enrico  VIII
Autore: Dara Kotnik
Casa Editrice: Rusconi
Numero di pagine: 350

GENERE DEL LIBRO
Biografia storica, saggio.

SINOSSI
Questo libro racconta la storia di Enrico VIII Tudor d’Inghilterra, uno dei personaggi certamente più affascinanti del Rinascimento.
Chi era davvero?
Un dominatore, un uomo senza cuore senz’altro, un sovrano che ha tartassato il suo popolo ma che ha anche saputo farsi amare da esso, un’amante, un amato.
Il confine fra le sue molteplici personalità è sottile, quasi invisibile: per questo rimane una persona e soprattutto una personalità avvolta da un enigmatico chiaroscuro di ombre e luci.
Ciò che ci rende difficile comprenderlo appieno è il suo comportamento: Enrico si nascondeva dietro le apparenze, non si sa mai con certezza quello che pensasse davvero.
Era un abile diplomatico, con un’ampia gamma di armi a doppio taglio da utilizzare a piacimento, e maschere da indossare per interpretare i vari ruoli che si sono alternati nella sua vita, proprio come su un palcoscenico.
E’ stato uno sfruttatore, ha utilizzato persone come gli pareva, le ha elevate al massimo grado di potenza e poi le ha scagliate per terra, schiacciandole come se fossero nulla una volta che non gli servivano più.
Forse ha amato, come testimoniano le sue lettere cariche di apparente devozione per Anna Bolena.
E’ stato focoso e passionale, questo lo sappiamo di per certo.
Cambiava idea facilmente sulle cose e le questioni, così come sulle persone.
Proprio per tali ragioni ha avuto sei mogli: Caterina d’Aragona, Anna Bolena. Giovanna Seymour, Anna di Cleves, Caterina Howard, Caterina Parr.
Ha distrutto in un modo o nell’altro la vita di ognuna di loro, ripudiando e diffamando Caterina d’Aragona, decapitando Anna Bolena, lasciando morire Giovanna Seymour, decapitando la giovanissima Carina Howard, abbandonando perché brutta Anna di Cleves.
Solamente Caterina Parr è uscita completamente illesa dal matrimonio con Enrico VIII d’Inghilterra, ma solo per un colpo di fortuna: infatti, Enrico è morto pochi anni dopo il suo matrimonio con l’ultima moglie.
Enrico ha legittimato e illegittimato le proprie figlie, solamente perché femmine o perché figlie di mogli che non desiderava più al suo fianco, perfino Elisabetta I, nel disperato e maniacale tentativo di avere un figlio maschio che portasse avanti il casato dei Tudor.
Ha avuto figli illegittimi e amanti, trucidato amici, dissanguato bambini, distrutto villaggi, squartato uomini.
Chi era Enrico Tudor? Tutto questo.
Ma una cosa la sappiamo con certezza: Enrico resta e resterà sempre un enigma irrisolvibile.

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto.
Non avevo mai letto una biografia su un personaggio storico, ma dato che studiare Enrico VIII Tudor mi aveva affascinata ma anche lasciato molte curiosità, ho deciso di provare.
Devo dire che mi è proprio piaciuto! Certo, in alcuni punti è un po’ difficile o un po’ noioso, ma si compensa ampiamente con le curiosità, il linguaggio chiaro e fluido e la narrazione non troppo complessa ma molto attendibile dei fatti.
Bello, proprio bello.
Lo consiglio a chi ama la storia e ha voglia di impegnarsi in un libro di tale argomento e di una lunghezza comunque considerevole.


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...