venerdì 10 novembre 2017

I libri di Margherita: La voce nascosta delle pietre


LA VOCE NASCOSTA DELLE PIETRE

DATI EDITORIALI
Titolo:  La voce nascosta delle pietre
Autore: Chiara Parenti
Citazioni: Correte, cadete, rialzatevi, e non abbiate paura di sporcarvi. I tesori più grandi sono ben nascosti, i diamanti affondano nel fango, ma non dovrete mai smettere di cercare! […] Cercate, cercate e, se non trovate quello che davvero volete, continuate a cercare ancora. Non arrendetevi, non è solo uno il sentiero che porta alla felicità. Voi seguite una strada che sia solo la vostra, seguite le pietre, loro vi indicheranno la via. E se vi perderete. vi riporteranno a casa Nonno Pietro, per il 16° compleanno di Leonardo e Luna.
Casa Editrice: Garzanti
Numero di pagine: 383
GENERE DEL LIBRO
Romanzo.
LUOGHI DELLA STORIA
Europa, Italia, Milano, casa di nonna Pietro, studio del nonno, casa di Luna, montagna, automobile del nonno, camera di Luna, letto di Luna, negozio di pietre “Cuore di Giada”, platano, giardino, scuola, cantiere, casa di Ivan il Terribile, divano, camera da letto di nonno Pietro.
Asia, Thailandia, aeroporto, Bangkok, albergo.

TRAMA
Luna e Leonardo si conoscono da una vita.
Fin da bambini sono amici del cuore.
Sono bambini diversi dagli altri, sfortunati, si direbbe: Luna non ha mia conosciuto suo padre, che ha abbandonato la madre quando lei era bambina; mentre il padre di Leonardo è in galera.
Luna e Leo sono molto diversi: lei è timida, risoluta, non particolarmente bella.
Leo, invece, è bello, ironico, pieno di spirito di iniziativa ma fragile.
Eppure, una cosa li accomuna: l’amore per le pietre e le gemme, trasmesso a entrambi da nonno Pietro, il gigante buono, l’uomo più speciale e gentile che entrambi conoscano, nonno di Luna e cercatore di pietre in gioventù.
Per questo i due crescono nella bottega che vende pietre del nonno, “Il Cuore di Giada”, attorniati da gemme preziose e da tutte le affascinanti leggende che circondano le pietre provenienti dall’Oriente e da Paesi lontani.
Come molto spesso accade, la loro incrollabile amicizia si trasforma in qualcos’altro, un amore potente e unico, speciale, fatto di pietre regalate, parole sussurrate, lacrime sgorgate, risate incontaminate.
Un amore che pare ad entrambi indistruttibile come il diamante, la pietra dell’amore, puro, genuino. Un amore che cresce e diventa smisurato, sul quale entrambi basano tutto il loro futuro.
Un amore così semplice e vero è raro, i due ragazzi lo sanno bene.
Per questo cercano di proteggerlo, come un germoglio sbocciato sotto una campana di vetro me che continua a germogliare. Le cose procedono bene, finchè non esce di galera il padre di Leonardo.
Una notte, infatti, dopo essersi addormentati insieme, quando entrambi hanno solo sedici anni, Luna si sveglia e Leo non è più con lei.  Appena se ne accorge, il telefono sul comodino squilla: è la chiamata che l’avverte che durante la notte qualcuno ha rotto il vetro del negozio “Cuore di Giada” del nonno e ha rubato tutte le gemme.
Quando Luna, ancora frastornata dalla scoperta che Leo l’ha abbandonata nella notte e qualcuno ha rapinato la bottega di famiglia, si reca sul luogo del furto, una cosa tremenda la colpisce: attaccato al vetro della vetrina frantumata, c’è un brandello di stoffa. Ma non è stoffa normale: è il tessuto della camicia di Leo.
Luna ne è sicura, e si sente tradita.
La rabbia di quell'adolescente ferita è talmente grande che passeranno gli anni, e Luna non potrà dimenticarla, ma non potrà dimenticare nemmeno Leonardo...
Fra viaggi in Asia, drammatiche scomparse, amori mai sopiti, malinconici ricordi e ferite non ancora rimarginate, il passato potrebbe tornare improvvisamente e minacciare tutto ciò che Luna ha conosciuto e costruito...
Ma l'amore, l'amore non si spegne mai davvero...
I diamanti, quando sono veri, aspettano anche miliardi di anni prima di vedere la luce del sole...

COMMENTO PERSONALE
Questo libro mi è piaciuto moltissimo.
E’ davvero bellissimo.
Poetico, dolce, la storia travolge, commuove, emoziona.
Ti fa piangere, e poi subito dopo ridere e poi scoppiare il cuore d’amore.
Il mio personaggio preferito è Leo: è sempre stato così dolce, sensibile, ombroso, silenzioso, attento.
Lui conosce davvero Luna, lui la ama sul serio. E il loro è un amore tormentato, ma così dolce e così profondo...
Per questo ho adorato Leonardo: per il fatto che sapesse davvero capire Mezzaluna (il soprannome dato alla sua ragazza) per le volte che l’ha difesa, che ha raccolto le sue lacrime, che ha acceso il suo sorriso, che è stato geloso di lei, che le ha fatto battere il cuore.
Per le parole dolci e premurose e i silenzi che dicevano mille parole, per tutti i loro baci, per tutto questo ho amato i personaggi e il libro in generale.
La mia parte preferita è quella che va dai tredici ai sedici anni di Leo e Luna, ma anche tutto il resto del libro è delizioso.
Il nome di lei, Luna, è adattissimo. Proprio per la quasi totale perfezione di Leonardo, ho fatto una fatica tremenda ad accettare quello che le ha fatto a sedici anni. Lei ha sofferto tantissimo, si è chiusa in se stessa e si è inasprita, ma sotto è sempre lei, la Mezzaluna di sedici anni.
Anche il personaggio di nonno Pietro, il gigante buono, l’avventuriero intrepido, il Super Nonno, mi è piaciuto davvero.
Un personaggio positivo è stato anche Giulio: sebbene non si possa paragonare a Leo, è dolce, buono e  gentile. Ama davvero Luna e non è stupido o palesemente inutile come gli uomini in altri libri che ho letto.
Insomma, è un libro che coinvolge a 360°, e sebbene sia lungo l’ho letto in soli due giorni! Le note negative sono solamente due e nemmeno tanto gravi: primo non mi è piaciuto molto il personaggio di Giada. Non esprimeva la maternità e la bellezza che avrebbe dovuto a mio parere. Due: le righe sotto il titolo del capitolo (ogni capitolo ha il nome di una gemma), quelle atte a spiegare le proprietà della pietra, le ho trovate molto noiose e appesantiscono abbastanza. Ma per il resto è bellissimo e l’ho adorato. Mi ha ricordato un po’ “La guardiana del miele e delle api” e “Il sentiero dei profumi”, entrambi della davvero brava Cristina Caboni.
Lo stile, la copertina, l’introduzione e la storia sono simili, ma ognuno è unico e speciale. Lo consiglio davvero!


Con questo post partecipo al  "Venerdì del libro" di "HomeMadeMamma".


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...