martedì 15 agosto 2017

Pupazzetti con capelli d'erba

Una ventina di giorni fa ho deciso di proporre ai ragazzi un lavoretto che rimandavo da tanto tempo.
Qualcosa di semplice, "ricicloso" e divertente che molti di noi hanno sicuramente fatto da bambini, o in cui si sono per lo meno imbattuti: i pupazzetti con capelli d'erba, simili a grosse  patate, ricavati da vecchi collant.
Avevo da parte una gran serie di collant rosa di quando le bimbe erano piccole piccole e facevano le mini-ballerine... pur essendo di filanca e non di nylon o a rete come sarebbe consigliabile per questo tipo di lavoretto abbiamo provato ad utilizzarle comunque, con ottimi risultati.  
Ecco, dunque, come abbiamo realizzato i nostri pupazzetti.
Occorrente:
- collant 
- segatura
- semi d'erba da prato (o erba gatta)
- forbici, cucchiaio, imbuto a foro largo
- spago sottile
- occhietti mobili e decorazioni varie
- colla a caldo
- ciotolina 
- spruzzini

Procedimento:
- Per prima cosa, occorre tagliare il "piede" della calza, per una lunghezza complessiva di almeno 20 cm.
- Infilare la calza tagliata in una ciotola o contenitore.

- Mettere sul fondo della calza (la punta del piede) un paio di cucchiaiate di semi.  

- Ora riempire progressivamente la calza di segatura, aiutandosi eventualmente con un imbuto (noi abbiamo usato quello per le marmellate, largo in fondo) e pressando la segatura verso il basso, in modo da modellare una forma tondeggiante e riempire sempre di più la calza.

- Una volta ottenuta la dimensione desiderata, chiudere la calza con un nodo. 
- Tagliare l'eventuale eccedenza di tessuto al di là del nodo, ma lasciare comunque un po' di tessuto libero dopo il nodo: aiuterà il pupazzetto a assorbire acqua.

- Pizzicare la calza ed afferrare una piccola parte di segatura, così da formare il naso del pupazzetto, che si fisserà girandoci attorno un po' di spago.

Ed  ora... la  parte più divertente dei preparativi:
- Decorare a piacere il vostro pupazzetto!
Noi abbiamo usato occhietti mobili, ritagli di gomma crepla, piccoli pezzetti di scovolini colorati, pennarelli per tessuti, decorazioni varie, attaccando tutto con la colla a caldo.


Ecco qui i nostri cinque pupazzetti, a cui i bambini hanno anche dato un nome.


A questo punto, si può scegliere di far "partire" subito lo sviluppo delle piantine, o di attendere qualche giorno..

- Fare un primo "bagnetto" ai pupazzetti, immergendo con particolare cura soprattutto la testa.

- Appoggiare ogni pupazzetto su una ciotolina, da tenere sempre umida, in mondo che il pezzettino di calza oltre il nodo possa assorbirla e trasferirla alla segatura.

Spruzzare regolarmente i pupazzetti con acqua, ogni giorno.
Già il giorno dopo, il rosato dei nostri pupazzetti ha lasciato il posto prima a macchie, poi a un colore marroncino: è normale, l'umidità ed il colore ella segatura prevarranno.

Ora, guardate che risultato, in pochissimi giorni!

Dopo 3 giorni


4 giorni


5 giorni

6 giorni


7 giorni


9 giorni


10 giorni


12 giorni... le bimbe si sono diverte ad acconciare le loro pupazzette... ma solo per un pochino, per non far soffrire le piantine!

Data la semplicità della cosa e la soddisfazione della crescita, nel frattempo abbiamo preparato altri due pupazzetti da regalare ad amici con bimbi piccolini e non...!

4 commenti:

  1. Proprio belli!
    Lo faremo anche noi, grazie per essere sempre d'ispirazione.
    Un abbraccio Chiara

    RispondiElimina
  2. Adesso ti mando le foto di ciuffo. Ai bimbi piace tantissimo

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...